The purpose of the Princess Camilla Of Bourbon Charitable Foundation is for any charitable, technical or educational cause, with a focus on the protection of the environment and promoting scientific development in the emerging markets.

Benvenuto

Princess Camilla of Bourbon
Charitable Foundation

IN EVIDENZA

Proteggere l’Oceano significa proteggere il Clima

Camilla of Bourbon Foundation-Proteggere l'Oceano significa proteggere il ClimaIl 1 novembre scorso S.A.R. la Principessa Camilla di Borbone delle Due Sicilie, Duchessa di Castro, ha rilanciato l’iniziativa “Because the Ocean”, la cui terza dichiarazione ribadisce un messaggio fondamentale: la protezione degli oceani è sinonimo di protezione del clima.

La dichiarazione – descritta come “un’iniziativa plurilaterale a favore di un risultato multilaterale sull’oceano” – invita tutti i paesi che si impegnano e lottano contro il cambiamento climatico a tenere maggiormente conto dell’interazione tra oceani, clima e biodiversità, nonché al riconoscimento della necessità di una maggiore ambizione a tutti i livelli per far fronte a questi cambiamenti e proteggere l’oceano.

L’oceano è spesso descritto come “il motore” del sistema climatico e S.A.R. la Duchessa di Castro oggi ha evidenziato il ruolo essenziale che l’oceano svolge nella regolazione del clima assorbendo oltre il 25% delle emissioni di CO2 e il 90% del calore in eccesso a causa del riscaldamento globale. Ha anche sottolineato l’impatto del riscaldamento sulle acque oceaniche, dei cambiamenti nelle correnti oceaniche e dell’acidificazione degli oceani sulla vita marina, nonché degli effetti dell’innalzamento del livello del mare sugli ambienti costieri e sul mare, considerato l’aumento del numero di eventi meteorologici estremi legati agli oceani.

L’orso polare e lo scioglimento dei ghiacci

Camilla of Bourbon Foundation - L’orso polare e lo scioglimento dei ghiacciGli orsi polari si saranno estinti entro la fine del secolo a meno che non si lotti ancora di più contro il cambiamento climatico, in base a quanto prevedono gli studi.

Gli scienziati hanno affermato che alcune popolazioni hanno già raggiunto i loro limiti di sopravvivenza man mano che il ghiaccio marino artico si restringe.

Questi carnivori si affidano al ghiaccio marino dell’Oceano Artico per cacciare le foche.
Quando il ghiaccio si rompe, gli animali sono costretti a vagare per lunghe distanze o sulla riva, dove lottano per trovare cibo e nutrire i loro cuccioli.

L’orso è diventato il “l’animale simbolo del cambiamento climatico”; poiché se il ghiaccio scompare, non sa dove recarsi.

Gli orsi polari sono considerati a rischio estinzione dall’Unione internazionale per la conservazione della natura, a causa del cambiamento climatico, che rappresenta la causa principale del loro declino.

Inquinamento delle isole provocato dalla plastica

Camilla of Bourbon Foundation - Inquinamento delle isole provocato dalla plasticaLe isole sono territori unici caratterizzati da un forte isolamento, vincoli di gestione dello spazio e delle risorse e significative variazioni stagionali delle popolazioni. Questi particolari vincoli geografici e socio-economici danno origine a problematiche proprie di questi territori: gestione dei flussi e delle risorse (materiali, acqua, energia, rifiuti, ecc.), gestione degli usi (turismo, agricoltura, pesca, ecc.) e conservazione degli ecosistemi (biodiversità , habitat e paesaggi…).

Le isole del Mediterraneo, in particolare, sono molto sensibili all’inquinamento da plastica che minaccia la salute dei loro ecosistemi e influisce sulla loro attrattiva turistica.

Per ridurre l’inquinamento da plastica è necessario migliorare la gestione dei rifiuti prodotti localmente e sensibilizzare la popolazione e le parti interessate. In tale contesto, la gestione dei rifiuti deve affrontare diversi problemi: uno spazio limitato per il loro stoccaggio e trattamento, alti costi di trasporto e costruzione degli impianti e picchi nella produzione di rifiuti legati all’afflusso di turisti in alta stagione.

Questi vincoli sono una sfida ma anche un’opportunità per la lotta contro l’inquinamento da plastica. La natura isolata e ristretta del territorio consente di prevedere soluzioni che influiscano sull’intera isola, focalizzate su operazioni locali e coinvolgendo tutti gli attori locali. Inoltre, rende più facile misurare l’impatto di queste soluzioni per verificarne l’efficacia.

Attraverso l’invito a presentare progetti per ridurre l’inquinamento da plastica sulle isole, la Fondazione di beneficenza della Principessa Camilla di Borbone cerca di rafforzare gli sforzi già in corso e promuovere l’aumento di azioni efficaci.

La protezione della biodiversità

The protection of biodiversityAl fine di migliorare l’efficacia della gestione delle aree marine protette nel Mediterraneo e nell’Oceano Indiano, la Fondazione Caritatevole della Principessa Camilla di Borbone ha permesso di fornire finanziamenti sostenibili per la conservazione della biodiversità marina. I progetti della Fondazione perseguono una politica di investimento responsabile che risponde alle sfide di una nuova economia più sostenibile nel bacino del Mediterraneo e nell’Oceano Indiano.

Questo impegno costante ha consentito la creazione di uno strumento per la conservazione della biodiversità e degli ecosistemi marini che migliora le condizioni di vita delle popolazioni locali.
Di fronte all’urgenza di definire obiettivi più ambiziosi per la biodiversità, il nostro scopo è quello di potenziare ulteriormente i nostri sforzi nella lotta contro il declino della biodiversità.

“Progetti come il nostro – ha affermato S.A.R. la Principessa Camilla di Borbone delle Due Sicilie – possono essere in prima linea nell’attuazione degli accordi globali sulla biodiversità e sul clima ed avere un ruolo chiave nel collegare il benessere del pianeta con quello della società. Oggigiorno, si tratta di progetti ideali per allocare le risorse dove sono più necessarie per la conservazione, a sostegno dei nuovi obiettivi nazionali e globali per gestire la biodiversità e sostenere mezzi di sussistenza sostenibili”.
Sua Altezza Reale ha infine aggiunto: “Desidero che più di mille persone si riuniscano e discutano sul ruolo che i fondi fiduciari per la conservazione giocano nel garantire la sostenibilità finanziaria al fine di affrontare le sfide di protezione dell’ecosistema globale”.

La Princess Camilla of Bourbon Charitable Foundation lancia un appello per delle micro-iniziative – 09/11/2020

Camilla of Bourbon Foundation - La Princess Camilla of Bourbon Charitable Foundation lancia un appello per delle micro-iniziative – 09/11/2020Ogni anno, più di un quarto dei rifiuti di plastica generati nel Mediterraneo finisce in mare. La plastica ei composti tossici che contiene rappresentano dei veri flagelli per la flora e la fauna marine, nonché una grande sfida per la conservazione degli ecosistemi da cui dipendono gli esseri umani.

Per prevenire l’inquinamento  causato da plastica nei mari, la Fondazione della Principessa Camilla sostiene gli attori sul campo al fine di ridurre l’uso della plastica, trovare alternative, migliorare i sistemi di raccolta, sensibilizzare, raccogliere dati e aiutare la creazione di nuove normative.

Nell’attuale contesto sanitario in cui la plastica monouso sta tornando in auge, è essenziale intensificare gli sforzi per limitarne il consumo eccessivo e ridurre le perdite nell’ambiente. In quest’ottica, la Fondazione lancia un appello per l’avvio di micro-iniziative.

Oltre al sostegno finanziario, questo appello incoraggia la condivisione delle migliori pratiche tra tutte le parti coinvolte. La Monaco Ocean Week 2021 sarà l’occasione per i vincitori del 2019 di incontrarsi nel Principato di Monaco per discutere lo stato di avanzamento del loro progetto.

I dettagli del bando in breve:

Attori ammissibili: il bando coinvolge ONG, autorità locali, comuni, aziende private con meno di 20 dipendenti, istituzioni scientifiche il cui status giuridico consente loro di ricevere sovvenzioni.

Tipo di azioni mirate: il bando implica l’avvio di azioni che contribuiscano a ridurre l’arrivo della plastica nei mari. La replica o l’adattamento di esperienze di successo già avvenute in altre aree o paesi sono molto incoraggiati. Le iniziative devono comportare azioni concrete.

Contributo della Fondazione per ogni progetto: fino a un massimo di 10.000 euro.

Data inizio progetto: da maggio 2021

Durata del progetto: da 12 a 18 mesi al massimo (fine del progetto entro il 30 novembre 2022).

Il bando è aperto fino a domenica 3 gennaio 2021.

S.A.R. La Principessa Camilla di Borbone delle Due Sicilie ha partecipato al CC FORUM, sponsorizzato da S.A.S. Il Principe Alberto II, a Monte Carlo il 24 e 25 settembre

Monte Carlo, 25 settembre 2020 – S.A.R. la Principessa Camilla di Borbone delle Due Sicilie, Duchessa di Castro e Fondatrice della Princess Camilla of Bourbon Charitable Foundation, ha partecipato al celebre CC FORUM, promosso da S.A.S. il Principe Alberto II, svoltosi a Monte Carlo il 24 e 25 settembre scorsi. Sua Altezza Reale è stata invitata a prendere parte alle conferenze in qualità di relatrice.

In particolare, alla Duchessa di Castro è stato chiesto di intervenire per condividere la sua visione durante due panel: “La nuova agenda: in che modo costruire un capitalismo aziendale più responsabile nei confronti dell’ambiente?” e “Sostenibilità e famiglie reali del mondo: visione e azione”.

“Sono stata davvero onorata di prendere parte alla tavola rotonda su come costruire un capitalismo aziendale più rispettoso dell’ambiente”, ha dichiarato la Principessa Camilla. “Credo che il costante dialogo e la condivisione delle nostre opinioni, con l’evidenza delle pratiche migliori, sia l’unico modo per andare avanti e attuare un cambiamento. Innanzitutto, credo che le politiche sostenibili debbano essere inserite nei piani strategici del settore aziendale, così come dei settori pubblico e non profit. Le imprese, i governi e le organizzazioni di beneficenza devono assumersi la responsabilità di fare tutto il possibile per stabilire “pratiche commerciali verdi” come l’utilizzo e la promozione delle energie rinnovabili e lo sviluppo di partnership con istituzioni eco-compatibili. Dovrebbe essere creato un piano d’azione più piccolo piuttosto che un grande piano che porta meno risultati”.

Ha anche aggiunto: “Sono convinta che il modo in cui il capitalismo aziendale abbraccia la responsabilità ambientale dovrebbe essere applicato anche agli sforzi filantropici. A livello personale, ho creato la mia Fondazione che si dedica non solo alla protezione dell’ambiente, ma ha anche sede nelle Mauritius, una piccola isola in via di sviluppo che soffre per via delle conseguenze del cambiamento climatico e del degrado ambientale. Questo mi porta alla mia ultima osservazione; ora più che mai abbiamo bisogno di parlarci, imparare gli uni dagli altri e raddoppiare i nostri sforzi per cercare di salvaguardare il futuro per noi stessi e, soprattutto, per la prossima generazione. Il dialogo è la chiave per gettare le basi di un’economia più sostenibile e non abbiamo tempo da perdere per preparare le nostre istituzioni ai difficili effetti del cambiamento climatico. Organizzare conferenze come il CC Forum aiuta a promuovere la condivisione delle informazioni in modo che le pratiche migliori possano essere evidenziate e seguite. Rimango quindi ottimista perché adattamento e cambiamento sono e sono sempre stati al centro del progresso umano”.

emergenza-mondiale-covid-19

Mentre la pandemia di COVID-19 sta colpendo duramente il mondo intero, causando una crisi senza precedenti, il legame tra ambiente e salute rappresenta sempre di più una preoccupazione crescente. In questo contesto, la Princess Camilla of Bourbon Charitable Foundation esprime la sua compassione per le popolazioni che soffrono ed ammira il coraggio di coloro che, quotidianamente, combattono e si mobilitano per superare questa pandemia. Lo slancio di solidarietà che ci unisce oggi è la prova della nostra capacità di agire insieme per un obiettivo comune. La necessità di una risposta collettiva alle sfide globali è più che mai fondamentale, che si tratti del coronavirus o della tutela dell’ambiente.

Tutti, sia individualmente che collettivamente, dobbiamo fare la nostra parte in modo che le strade che intraprenderemo dopo la crisi diano nuova vita alle misure adottate dai paesi e dalle industrie per combattere il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità.

La Principessa Camilla di Borbone delle Due Sicilie ha dato la parola a varie personalità e scienziati al fine di avviare una riflessione sul legame tra ambiente e pandemia, sull’impatto attuale della crisi in varie regioni del mondo e sulle prospettive per il futuro.

Questo messaggio è stato lanciato simbolicamente il 22 aprile, 50 ° anniversario della Giornata della Terra. Diverse personalità hanno anche condiviso i loro punti di vista nei settori dell’ambiente, della scienza e dell’economia al fine di contribuire a creare questo nuovo equilibrio umano-natura, che è emerso da questa crisi.

Contattaci

Rimani in contatto con noi per essere aggiornato

Mauritius

Mme Vandita Ramphul
1st Floor, 42 Hotel Street, Cybercity, Ebene
Phone number: +230 404 3900

Italy

4, Via Giosué Carducci
00187 Rome
Phone number: +39 06 4741190

Email